ToutestMag #08 – ToutestCool presents He(ART)s Milano @Milanodigitalweek2021

Posted on Leave a comment

In occasione della Milano Digital Week 2021, ToutestCool è orgogliosa di presentare il progetto: He(ART)s Milano – Un Micromondo che è fonte di Ispirazione e Inclusione.

L’Arte come un linguaggio universale e democratico. Fonte di ispirazione e messaggio di inclusione. La ricerca del Bello che si fa materia, nelle sue diverse sfaccettature visive e artistiche, e che riconosce in Milano il luogo perfetto in cui esprimere la propria creatività. Milano, un laboratorio aperto e di confronto, dove la Persona (in senso lato e senza distinzioni di Genere) è in sé un Artista LIBERO, privo di Barriere e Confini sia fisici che ideologici.

Partendo da Milano (città cosmopolita e aperta all’accoglienza), gli artisti di cui siamo promotori sono Persone di varia estrazione culturale e artistica nonché di provenienza, che propongono, come forma di ringraziamento alla Città di Milano che li ha accolti, le loro Opere. Opere che rappresentano una loro interpretazione di ciò che Milano offre in termini di equo-sostenibilità e inclusività. Una Galleria d’Arte Virtuale dove la comunicazione veloce dei social e della Rete, di cui Milano è ampiamente all’avanguardia a livello nazionale ed europeo, darà modo agli Artisti di esprimere, raccontare ma anche apprendere e scambiare le proprie esperienze legate da un Fil Rouge che è la città di Milano.

Il progetto si sviluppa in una piattaforma interattiva in cui, oltre alla presentazione personale e artistica dei Soggetti si interfaccia con lo spettatore come una sorta di Digital Art Factory contemporanea (Museo Virtuale). Lo spettatore pertanto sarà parte integrante del progetto, dando la sua libera interpretazione (tramite messaggi, video, altre forme di comunicazione che verranno raccolte in una sorta di Digital Review Book) di ciò che ha vissuto durante l’esperienza virtuale.

On the occasion of Milano Digital Week 2021, ToutestCool is proud to present the project : He(ART)s Milano – A Micro-World that is source of Inspiration and Inclusiveness.

Art as a universal and democratic language. Source of inspiration and message of inclusiveness. The search for Beauty that is made matter, in its different visual and artistic facets, and that recognizes in Milan the perfect place to express one’s creativity. Milan, an open and confronting laboratory, where the Person (without Gender’s dinstinction) is in himself a FREE Artist, devoid of both physical and ideological Barriers and Boundaries.

Starting from Milan (Cosmopolitan Town and open to hospitality), the Artists, of which we are promoters, are People of various cultural and artistic backgrounds as well as of origin, who propose, as a form of thanks to the City of Milan – which welcomed them, their Works.

Works that represent their interpretation of what Milan offers in terms of sustainability and inclusiveness. A Virtual Art Gallery where the fast communication of social media, of which Milan is widely at the forefront at national and European level, will give to Member’s Artists the opportunity to express, tell, learn and exchange their experiences related to Milan.

The project develops in an interactive platform in which, in addition to the personal and artistic presentation of the Artists interfaces with the viewers as a sort of contemporary Digital Art Factory (Virtual Museum). The viewers will therefore be an integral part of the project, giving free interpretation (through messages, videos, other forms of communication that will be collected in a Digital Review Book) of what they experienced during the virtual Experience.

SOMMARIO/SUMMARY

Evento digitale; Percorso / Mostra espositiva virtuale mediante realizzazione e creazione di una Galleria d’Arte interattiva online (Digital Art Factory).  La Mostra espositiva coinvolge Sei Artisti e Designer emergenti e contemporanei, in quanto espressione delle attuali forme creative, che interpretano, con le proprie Opere, l’idea di una Milano intesa come Città -Metropoli equo-sostenibile e inclusiva. Sei Artisti sei modi di vivere Milano!

Digital event; Virtual Art Exhibition through an online interactive Art Gallery (Digital Art Factory).  The exhibition involves six emerging and contemporary Artists and Designers, as an expression of current creative forms, which interpret, with their works, the idea of a Milano, understood, as a sustainable and inclusive Metropolitan City. Six Artists, six way to live Milano!

ToutestMag #07 – La visione “New Romantic” di Sebastian Peel

Posted on Leave a comment

The World of Mr Sebatian Peel (alias PeelMe), a multifaceted / chameleon Austrian artist, is made up of contaminations of various kinds. The “New Romantic” Aesthetic of his artworks takes its origin from the cultural contexts in which he was trained. Finland, Israel, Italy have contributed to his creative language that is expressed through artistic images that are metaphors in halfway between dreams and reality.

Don’t Miss the opportunity to bring in your World the coolest and amazing prints by PeelMe, now on PROMO.

In exclusive for ToutestCool here is following our Interview with Mr. Sebastian Peel.

1)    Which is your inspiration? where does your Design / Art come from?

My inspiration for my art comes from a rich selection of cultural references and from my various stays in Finland, Israel and Italy. Finnish art, design and culture has a huge impact on my artistic work. The rich world of Finnish storytelling and the strong connection of the Finns to nature has always been fascinating to me. In contrast to that I love being in Tel Aviv the vibrant, diverse metropolis on the mediterranean seashore. Verona the Italian city of love (Romeo & Juliet) completes the list of my so called ‘magic’ places wich inspire me the most. Verona is only a two hours drive away from my hometown Innsbruck. The history of Austria and northern Italy is strongly connected to each other. I feel so blessed to stay and live in all these places on a regular basis. My heart is filled with love and inspiration!

2)    How do you create your art’s atmosphere & How can you describe yourself as an Artist?

I would call myself an urban multidisciplinary creative – a ‘Visualizer’. My artistic practice oscillates between painting, design, photography and illustration. It evolves around / investigates the surfaces of our everyday environments in an “image-fixed” world by blending both analogue and digital culture. Within that, I often conflate our everyday environment with re-occurring autobiographic connotations like dependencies, relations, complexity and multi-layered reflections. My pictures  are riven with contradictions and elisions, with the subject often remaining obstinately elusive. My work should consciously rise questions about transitional states: intersections of old and new values, life, death, gender, and their associated forms of representation. It also draws inspirations from commercial studio photography and its creative usage of the” image as such” in advertisement. My work should evoke impressions of a new romanticism by advocating natural settings, secrets, visions, insights and intuition, the uncanny and the displaced. It highlights the fantastic, the surreal and the imaginary, reflecting upon the unknown, forgotten or hidden spaces in a cold, modern world screened by digital algorithms. In my latest work for the German Bundesrat, I do explore the history of the institution with its federal functions and levels. In a multi-layered composition I gather different surfaces, objects and connections into unity – representing the German Bundesrat. Captivating history, architecture and expressive motions are embedded in a powerful environment. Despite their analog means, my multi-layered, often collaged works speak eloquently of our mobile, networked, image-fixated moment. They should rise the question to reconsider what occurs on the picture plane, whether it be a drawing, a collage, a photo sheet or screen; to look at how we read or misread  these surfaces; and to think of how we relate to our physical life among inanimate objects that have their own stories to tell.

3)    Your Art and Vision is developed in different forms and shapes. The idea to replicate your Art on daily products (plates, furnishing) is amazing and original. When and why you started to approach this Art frontier?

My passion is to transform Art into Design. All started with my art and design studies in Finland. I had the opportunity to add product design to my art and design portfolio. My love for architecture and interior design made me always wonder on how to present my visual artwork. I love crossing borders – art can be presented in so many ways on products, surfaces and media. 

4)    How can you imagine your future and the role of your Design

In the near future I would like to work on new artworks and designs suitable for interior and decorative objects.

5)    Do you have any favorite subjects that you’ve painted? What are your next plans…

I love drawing/painting bees – the bee is my symbol, therefore you can find it in most of my creations. My next plan is to expand my plate collection with new designs, forms and styles

6)    Which role can have e-commerce for the new and contemporary artist? How can e-commerce support Art and Artistis, and what not

Especially now, in these difficult and challenging times, the sales opportunity via e-commerce plays a decisive role for us artists. It gives us new points of intersection with our customers and enables us to operate worldwide. Thus, this possibility serves to further increase the visibility of my art and design. However, the real experience and feeling of art is also very important.

7)    Your expectation regarding the collaboration with ToutestCool

I am very much looking forward to a fruitful cooperation with Toutestcool! The cultural exchange with the Toutestcool team will certainly generate new ideas for products. I am a team player and am happy to have creative people around me. Mutual inspiration is therefore guaranteed – an exciting and thrilling time lies ahead. Grazie mille Toutestcool!  

ToutestMag #06 – Contemporary Cool Artist Emanuel Bullita in arte MOØ-N

Posted on Leave a comment

La visione artistica di Emanuel Bullita si pone come obiettivo quello di scavare nelle emozioni più profonde. La sua Arte spinge lo spettatore ad esplorare le proprie sensazioni di fronte all’opera, interpretandola in base al vissuto personale. La serie HRT, che riproduce con la tecnica del collage la forma anatomica del cuore, racchiude l’intento artistico di Emanuel: abbattere barriere e pregiudizi per lasciare spazio alle emozioni.

1) L’Arte contemporanea, oggi più che mai, si esprime in diverse forme e in diversi contesti. Come definisci la tua Arte e come ritieni che le tue opere si collochino in questo contesto?

Le mie creazioni hanno spesso un taglio concettuale: l’osservatore è spinto a interpretare l’opera inserendola nel proprio vissuto. L’utilizzo di tecniche diverse non definisce uno stile univoco, come spesso accade per gli artisti, ma si colloca in modo moderno e trasversale rispetto alle dinamiche attuali.

2) Negli anni le tue opere sono state esposte in diversi contesti e in mostre personali. Qual è il segreto del tuo successo? Da dove trai la tua ispirazione artistica?

“La mia filosofia è alla base di ciò che sono. La creatività nasce dall’ispirazione, l’ispirazione nasce dalla curiosità, la curiosità permette di osservare, e osservare permette di vedere”

Le idee nascono da pensieri, letture e reinterpretazioni di ciò che mi circonda. Nulla è casuale, geometrie, colori e materiali sono studiati per un risultato di impatto ma equilibrato.

4) Tra le tue aspirazioni, cosa vorresti ancora creare, “catturare” con la tua Arte e non sei ancora riuscito a realizzare?

Ho in progetto molte idee da sviluppare. La più interessante è quella che fonderà arte e musica, un’esperienza visiva e uditiva che coinvolgerà lo spettatore in modo più immersivo, portandolo dentro l’atmosfera dell’opera.

5) Tra le tante opere che hai realizzato, indicane una a cui sei particolarmente legato. Come artista contemporaneo che messaggio vuoi dare allo “spettatore” e ai tuoi estimatori?

Sono molto legato alla serie HRT, che mi consente di dare un significato sempre diverso alle opere. 

La serie dei micromondi invece scava nel profondo e racconta una storia nella quale l’osservatore può identificarsi.

Il mio messaggio per lo spettatore è quello di guardare oltre, di abbattere i pregiudizi e lasciare che le emozioni prendano il sopravvento.

6) Che ruolo pensi abbia l’e-commerce per l’Arte contemporanea?

L’e-commerce ha indubbiamente un ruolo importante perché consente una fruizione più ampia di opere da osservare, credo tuttavia che, dove possibile, debba essere supportato anche dalla visione dell’opera fisica dal vivo. 

7) Quali sono le Tue aspettative in merito alla collaborazione avviata con ToutestCool?

ToutestCool è una realtà giovane ma ha, al suo interno, persone con esperienza e lungimiranza, mi aspetto che possa essere una collaborazione vincente. 

ToutestMag #05 – Focus on Luca Casonato

Posted on Leave a comment

Il lavoro del fotografo Luca Casonato si distingue per una forte propensione alla ricerca e all’approfondimento, quasi scientifico, di tutti i soggetti coinvolti nei suoi progetti fotografici.

I suoi lavori hanno spesso carattere seriale, sono strutturati metodicamente e costituiscono scenari frammentati. Ogni scatto è parte di qualcosa, un piccolo tassello di un quadro più ampio. Luca Casonato ci regala la sua visione artistica attraverso un’estetica contemporanea e un punto di vista quasi ingegneristico (prima di specializzarsi in fotografia nel 2005, si laurea in ingegneria edile).

Al suo lavoro sono stati attribuiti nel corso degli anni diversi premi e menzioni, tra cui il prestigioso International Photo Awards nel 2012 per la categoria “Architecture – Industrial” con il suo progetto “Colliders”.

Ecco la nostra intervista a Luca:

1) Nell’arte contemporanea e figurativa la fotografia ha assunto oggi un ruolo più che mai centrale. Come ritieni che le tue opere si collochino in questo contesto?

Credo che i miei progetti fotografici si collochino nel filone della fotografia documentaria di paesaggio, cioè in quel filone che indaga e fotografa il paesaggio contemporaneo per descrivere la società che lo abita. Fotografo il contenitore per mostrare il contenuto.

Inoltre credo molto nella fotografia che si esprime attraverso i propri mezzi specifici – profondità di campo, diaframma, dettaglio, grana, messa a fuoco, ecc… – senza bisogno di ibridazioni o artifici retorici, come ad esempio i filtri di instagram e il ‘ridipingere’ i soggetti. Prediligo una normalità della visione.

2) Negli anni le tue opere sono state esposte nei più importanti gallerie/musei di fotografia contemporanea. Hai inoltre ricevuto premi e riconoscimenti a livello nazionale e internazionale, qual è il segreto del tuo successo?

La curiosità e la gratuità sono due elementi che mi hanno sempre caratterizzato: tutti i miei progetti fotografici sono nati dal sincero desiderio di indagare e capire un pezzetto di mondo. Inoltre ho sempre approfondito le mie ricerche, portandole avanti per tempi lunghi, senza cedere alla fretta di mostrare subito delle immagini.

3) Le tue fotografie si ispirano a soggetti “particolari” che possono ritenersi seriali e modulari, perché?

Da dove trai la tua ispirazione artistica?

La modularità e la serialità sono due caratteristiche imprescindibili della società e del paesaggio in cui viviamo, nelle mie immagini cerco di enfatizzare ancora di più questi aspetti ritraendo soggetti ‘simili’ fra loro.

Anche gli autori a cui mi ispiro maggiormente – August Sander, i coniugi Becher, i fotografi della scuola di Dusseldorf – hanno integrato nella pratica fotografica una modalità catalogatoria e un atteggiamento operativo ossessivo compulsivo. D’altro canto fotografare molti soggetti simili fra loro equivale a fotografare l’oggetto assoluto, platoniano, che essi rappresentano.

4) Tra le tue aspirazioni, cosa vorresti ancora fotografare, catturare con la tua macchina fotografica e non sei ancora riuscito a realizzare?

Mi piacerebbe molto fotografare Chittagong, una città del Bangladesh i cui 20 chilometri di costa sono un cantiere a cielo aperto per lo smantellamento di gigantesche navi ormai inutilizzabili, migliaia di operai che con semplici attrezzi smantellano giganti del mare.

Un altro grande sogno nel cassetto è fotografare i maggiori acceleratori di particelle negli Stati Uniti d’America, un secondo capitolo del progetto “Colliders”.

5) Tra le tante fotografie che hai scattato, ce n’è una in particolare a cui sei fortemente legato?

Come artista contemporaneo che messaggio vuoi dare o meglio cosa vuoi suscitare nello “spettatore” della tua Arte?

Mi sento particolarmente legato alla foto del progetto “Splendid China” in cui si vede un edificio tradizionale rosso in primo piano con una selva di palazzi contemporanei molto alti sullo sfondo; oltre all’immagine del giardino cinese, tratta da “Persistence & Transition”, nella quale c’è sempre un contrasto fra antico e nuovo, fra primo piano e sfondo.

Con le mie immagini desidero far nascere nell’osservatore dei “dubbi veri” che sostituiscano le “false verità”, i luoghi comuni, da cui spesso siamo abituati. I miei progetti fanno nascere delle domande, e non vogliono rassicurare l’osservatore, se non apparentemente.

6) Che ruolo pensi abbia l’e-commerce per l’arte contemporanea?

Credo che l’e-commerce aiuti gli artisti a mostrare le proprie opere ad un pubblico molto vasto, oltre a spingere le persone ad avvicinarsi alle opere d’arte senza la reverenza che spesso musei e gallerie incutono. L’e-commerce rende il mondo dell’arte più democratico e alla portata di tutti.

7) Quali sono le tue aspettative in merito alla collaborazione avviata con ToutestCool?

Credo che ToutestCool sia uno spazio molto interessante dove mostrare le mie fotografie, e che questa collaborazione farà nascere in me nuove idee per nuovi progetti fotografici 

Sono anche molto curioso delle interazioni con gli utenti: mi piacerebbe molto se i visitatori del sito non si limitassero solo ad acquistare delle mie opere ma ci fosse una fase di consigli sulla scelta e l’allestimento delle opere nel loro spazio.

Credo ci sia del gran potenziale.

Serie The Quarantine Experience su tout est… PHOTOGRAPHY

Serie PopInsect in esclusiva su tout est… PHOTOGRAPHY

Il mondo di Luca Casonato su #ToutestCoolShop

In senso orario: Fotografia SFUM2 A – Serie TQE 2020, Fotografia Blue – Serie TrashScape, Serie PopInsect – Foto #08, Fotografia SFUM2 B – Serie TQE 2020, Serie PopInsect – Foto #09, Fotografia LPSC01, Grenoble France – Serie Colliders.

ToutestMag #04 – Focus on Mason Editions

Posted on Leave a comment

Una cifra stilistica sofisticata, un design eclettico e senza tempo. L’azienda veneta fondata dall’imprenditore Fabio Mason si distingue per artigianalità e know how produttivo. A queste solide basi si somma la visione fresca e contemporanea di tre designer conosciuti a livello internazionale che hanno firmato le prime collezioni del brand.

Le linee pulite ed eleganti del vaso MIA, l’estetica tagliente e asimmetrica del vaso FUGIT e le curve sinuose del vassoio Touché rispecchiano pienamente la nostra idea di Design: oggetti belli e funzionali, in grado di stimolare l’immaginazione di chi li osserva, con un design essenziale che mette in luce i dettagli preziosi.

ToutestCool ha avuto il piacere di conversare con Fabio Mason, Titolare della Mason Editions. Di seguito la nostra intervista esclusiva:

  1. La storia di Mason Editions è particolare: un’azienda d’eccellenza nata nel settore dell’illuminazione decorativa che in poco tempo, e con il coinvolgimento di importanti designer, è diventata punto di riferimento dell’intero comparto Home Decor. Raccontaci cosa Ti ha spinto ad ampliare l’offerta dei prodotti Mason Edition. Come è nato il successo? Quali sono i prossimi obiettivi?  

Mason Editions affonda le sue radici dalla mia esperienza personale e professionale nel settore dell’illuminazione. L’impresa opera a Castelfranco Veneto in provincia di Treviso, un distretto Veneto che si configura come un insieme di esperienza nell’artigianato qualificato e attento alla qualità del materiale e della lavorazione. Il progetto nasce attraverso un percorso preciso, quello di coinvolgere tre designer indipendenti, affidando loro la direzione artistica delle creazioni per dare origine a un marchio di design, che unisca queste competenze ad una ricerca estetica e progettuale più consapevole e sostenibile. 

Dopo aver fatto conoscere l’intero comparto produttivo e le sue capacità che vanno oltre alla sola produzione di illuminazione, ho lasciato libera creatività ai designer per progettare la prima collezione di complementi e luci di design. L’obiettivo è quello di ampliare la gamma attraverso diverse tipologie di prodotto dando sempre priorità allo sviluppo e alla creatività.

  1. Che ruolo ha oggi il Design italiano, così acclamato e riconosciuto a livello internazionale… E’ necessario reinventarsi sempre o bisogna essere sempre fedeli al proprio stile?

Il Made in Italy è storicamente associato alla qualità di realizzazione, cura dei dettagli, fantasia ed eleganza del disegno e delle forme. Su questo abbiamo basato la nostra prima collezione e su questi principi si baseranno anche le future creazioni cercando di reinventarsi ma restando fedeli allo stile con cui il brand si sta facendo conoscere nel mercato.

  1. Come fai a stare al passo con le richieste attuali del mercato? I nuovi consumatori cosa cercano nel Design?  

Stare al passo con le richieste del mercato probabilmente è la cosa più difficile in un momento storico dove tutto cambia molto velocemente, ma ogni pezzo riconosciuto come un oggetto di design resta nella memoria collettiva. Credo che il consumatore cerchi questo nel design, un oggetto che mantenga e racconti il proprio valore nel tempo.

Per l’azienda resta di fondamentale importanza anche lo Store fisico per dare la possibilità a quel consumatore che preferisce acquistare vedendo e toccando il prodotto. 

  1. Che ruolo ha oggi l’e-commerce per un’azienda come Mason Editions. Come l’e-commerce può sostenere e diffondere il Design di qualità?  

L’e-commerce è indubbiamente un valore aggiunto e un valido strumento per raggiungere velocemente il consumatore finale, d’altronde le nuove tecnologie danno ampia possibilità di comunicare il valore del prodotto. Lo shop online associato ad un’attenta comunicazione digital può sicuramente aiutare per sostenere e diffondere il design di qualità.

  1. Quali sono le Tue/Vostre aspettative in merito alla collaborazione avviata con ToutestCool?

Credo nel team di ToutestCool, fin dal primo momento mi ha trasmesso serietà e professionalità, qualità non scontate e fondamentali per avviare una collaborazione ambiziosa e utile al raggiungimento degli obiettivi. Sono e siamo, in qualità di azienda, fiduciosi e felici di essere parte di questo nuovo progetto.

Il mondo di Mason Editions su #ToutestCoolShop

In senso orario: Vassoio Touché A verde salvia (design Martina Bartoli) – Vaso MIA alto versione rosa cipria (design Serena Confalonieri) – Vassoio Touché C versione burgundy – Vaso Fugit (design Matteo Fiorini) – Vaso MIA versione bassa color petrolio – Vaso Fugit versione oro

ToutestMag #03 – It’s a Cool Slow Summer

Posted on Leave a comment

E’ un’estate diversa, dal sapore un pò dolce amaro. In questi lunghissimi mesi di stop forzato abbiamo avuto modo di rivalutare le nostre vite e di riportarle verso una dimensione più lenta, se vogliamo anche più “umana”.

Abbiamo vissuto le nostre case in modo diverso, adattando gli spazi abitativi alle nuove inaspettate necessità. Il salotto è diventato palestra e home office, la convivenza con parenti e coinquilini è diventata collaborazione e il tempo da nemico si è trasformato in alleato, dandoci la possibilità di ascoltare con attenzione ogni piccolo pensiero.

Siamo usciti migliori o cambiati da questo lock down? Probabilmente no, ma una cosa è certa, abbiamo “sentito” ogni singolo momento della nostra vita come non succedeva da tempo, abbiamo osservato ogni angolo di casa da un punto di vista del tutto nuovo e abbiamo imparato ad aspettare.

Dopo mesi in cui la vita sembrava sospesa in una bolla di sapone abbiamo bisogno di ritrovare la bellezza, in ogni sua forma. Viaggeremo meno ma con più voglia di farlo, riscopriremo la meraviglia di un tramonto sul mare o di una passeggiata all’aperto come se fosse la prima volta e, si spera, affronteremo i contrattempi con un pizzico di calma e pazienza in più…

Enjoy your Cool Slow Summer…

ToutestCool Mag
Fotografia Red – Serie TrashScape, autore Luca Casonato su ToutestCool Shop, Vassoio Touché, Mason Editions in vendita su ToutestCool Shop (Photo Credits: @nicolavettorello – location @venissa_tenuta), Fotografia Remoulins02 France – Serie Acqua di Notte autore Luca Casonato su ToutestCool Shop. Small Inspirational images from: Unsplash (Credits: Oliver Pacas, Linda)

ToutestMag #02 – Focus on Maria Figueiredo

Posted on Leave a comment

Vi presentiamo il mondo colorato e gioioso di Maria Figueiredo!

La giovane designer portoghese attraverso le sue creazioni divertenti e vivaci vuole dare voce alla cultura giovanile, esprimendo una mentalità aperta e priva di schemi. Il suo linguaggio creativo originale e fresco, riflette dal 2016 la sua idea di design: uno strumento per dare valore ai singoli momenti e alle piccole cose che rendono felice la nostra vita.

Circondarsi di oggetti colorati e vibranti è fondamentale per portare tra le mura di casa energie positive e stimolare i pensieri giusti o, ancor meglio, i sorrisi. Ecco come Maria immagina la casa, un posto libero e felice, un’ode alla natura e al colore.

Ecco la nostra intervista a Maria:

  1. Qual è la tua fonte di ispirazione? Da dove viene la tua idea di Design/Arte?
    La risposta è un po’ un cliché, ma la verità è che io utilizzo tutti i momenti e le esperienze come fonte d’ispirazione. Quando creiamo, c’è qualcosa di noi che si materializza, e io posso affermare che le mie creazioni per My Friend Paco mostrano la mia passione per la natura e gli animali, il disegno grafico e i giochi di colore! Amo circondarmi di oggetti che mi fanno sorridere ed è quello che cerco di ricreare anche per il brand.
  2. Parlaci dell’importanza dell’artigianato e della cultura portoghese nel tuo lavoro, quanto è importante questa componente (ora e nel futuro)? Penso sia importante non lasciare che la nostra cultura e le nostre tradizioni muoiano, perché fanno parte del nostro DNA e ci rendono unici. I tempi cambiano e anche gli interessi, ma l’artigianato tradizionale può essere adattato al design moderno…e le possibilità sono infinite. Si tratta di evolvere, sfruttare il patrimonio culturale e adattarlo ai tempi moderni e alle nuove necessità.
  3. Come immagini il tuo futuro e il ruolo del tuo brand? Ovviamente il brand ha obiettivi e traguardi che cerchiamo di raggiungere, ma non mi fermo molto a pensare al futuro di My Friend Paco, preferisco crescere seguendo il flusso e l’intuizione, prendendo decisioni momento per momento. Se c’è una cosa che ho imparato è che la vita è completamente imprevedibile.
  4. Quali sono le aspettative in merito alla collaborazione con ToutestCool? Ho notato che voi, Devis e Elena, siete molto impegnati e concentrati su questo progetto, con etica professionale e tanta ambizione, quindi sono sicura che questa collaborazione sarà molto fruttuosa! My Friend Paco è molto orgoglioso di far parte di ToutestCool e di contribuire al progetto con pezzi creativi e vibrazioni positive, per rendere la vita quotidiana delle persone più armoniosa e felice…perché la gioia è nelle piccole cose 🙂

Grazie Maria! Come non condividere la tua visione 😉

Ora disponibile su ToutestCool!

ToutestMag #01 – Hello Cool world, here we are!

Posted on Leave a comment

Proud to be different,

proud to be Cool!

Iniziamo questa nuova avventura in un momento storico difficile, ne siamo consapevoli. Siamo anche consapevoli del fatto che la capacità di rialzarsi e reinventarsi sia fondamentale, ora più che mai. Gettiamo le basi di questo nuovo ambizioso progetto in un mese importante, il Pride Month, nato per celebrare la diversità in tutte le sue forme. La diversità che diventa punto di forza e strumento di confronto, senza il quale non ci sarebbe crescita.

Ringraziamo di cuore tutti i brand che hanno accolto con entusiasmo e curiosità la nostra visione colorata e ottimista, priva di pregiudizi e gender free, dandoci un ulteriore incentivo per affrontare questa nuova sfida.

“Be You, Stay Cool”

Il nostro motto è un auspicio e un’esortazione a non rinunciare a sé stessi, a considerarsi speciali e unici, in poche parole Cool!

La ricerca della bellezza

La nostra offerta si focalizza su tre settori cardine: Arte, Design e Style. La ricerca della bellezza ha guidato la nostra selezione, una bellezza fatta di dettagli, qualità, sostenibilità e attenzione verso gli altri. Abbiamo fortemente voluto ognuno dei brand presenti sulla nostra piattaforma e-commerce, scegliendo con cura tutto ciò che rispecchia i nostri valori e soddisfa le aspettative del target a cui ci rivolgiamo.

Il nostro intento è quello di catturare l’attenzione di un pubblico cosmopolita, dal gusto eclettico e in grado di cogliere lo spirito gioioso e versatile delle nostre proposte, al fine di creare una comunità curiosa e aperta alle novità.

Ci prefissiamo grandi obiettivi, certo, ma grande è la nostra capacità di sognare.

“Segui i tuoi sogni, essi conoscono la via”

Kobe Yamada

Get inspired with our Hues of Blue!

Una moodboard sulle tonalità del blu, colore che ha il potere di rilassare e portare equilibrio nella sfera emotiva.

Vi presentiamo le spumeggianti calze di MR D London, uno scatto del fotografo Luca Casonato e lo stile fresco e vibrante del pittore Claudio Bindella.

Panorama stupendo
In senso orario: Mr D LondonPurple Spot Fine Socks in vendita su ToutestCool Shop, Fotografia Sfum 2A “The Quarantine Experience 2020” autore Luca Casonato su ToutestCool Shop, Opera “San Francisco” pennarelli su carta autore Claudio Bindella in vendita su ToutestCool Shop. Inspirational images from: Unsplash (Credits: Mauro Bighin, Charlie Gallant)